02 77790322 ugis@ugis.it

La corretta comunicazione scientifica è il vero antidoto contro la falsa informazione, anche su temi come le scienze della salute e le notizie sul cambiamento climatico con il loro impatto mediatico. Per il terzo anno il presidente di UGIS e il presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia Romagna proseguono il confronto sul percorso di approfondimenti e di formazione sulla deontologia e sugli strumenti e le metodologie a sostegno di una professionalità responsabile per quanti scrivono di scienza, medicina, ambiente, ricerca e tecnologia.

Dopo la presentazione nel 2018 della bozza di indicazione deontologica del giornalismo scientifico per l’Ordine dei giornalisti nazionale, quest’anno si affrontano contenuti di dovere etico a tutela della veridicità nella gestione della notizia scientifica su argomenti molto sentiti a livello di grande pubblico, come quello dei cambiamenti climatici e della salute. L’intervento del ricercatore Giorgio Vacchiano dell’Università di Milano (indicato dalla rivista Nature nel 2018 tra gli 11 scienziati internazionali che “lasceranno il segno”), esperto di gestione e pianificazione forestale, racconta cosa accade oggi e cosa potrebbe succedere nei prossimi decenni, partendo dallo studio dell’impatto del clima sul territorio e sul patrimonio ambientale e territoriale.

Relativamente alle tecnologie legate alla salute c’è la testimonianza di due ricercatrici. Laura Cancedda, dell’Istituto italiano di tecnologia, parla di nuove tecnologie nella ricerca di base e transnazionale delle neuroscienze; Marina Garassino, specialista dell’Istituto nazionale dei tumori, racconta come evolve la ricerca nell’ambito dell’oncologia e dell’immunoterapia nel polmone e illustra l’esperienza di Women in Oncology nel campo della comunicazione citando due casi, uno positivo e uno negativo.

Il seminario di formazione è promosso dall’UGIS con l’Ordine dei giornalisti e la Fondazione giornalisti dell’Emilia-Romagna con la collaborazione di Fast, la Fondazione di Piacenza e Vigevano e l’Associazione Edoardo Amaldi.

6 CFP deontologici ai giornalisti che si iscrivono sulla Piattaforma S.I.Ge.F.

Scarica qui il programma

Scheda di iscrizione per giornalisti non interessati ai crediti e pubblico